Mario Ciancio, Catania e gli intellettuali di corte

Ho fatto il giornalista a Catania dal 1984, da dopo l’omicidio di Giuseppe Fava all’estate del 1996, quando, in seguito alla chiusura de I Siciliani nuovi, decisi di lasciare la città e l’isola. In quegli anni, non ricordo una sola presa di posizione del professore Pietro Barcellona contro i potenti della città. Né contro i potenti “perbene” né contro quelli che sparavano. Non ricordo nemmeno parole di sostegno e conforto a chi si opponeva, ai familiari dei morti ammazzati. Nessuna parola. Solo silenzi. Certo, non era il solo silente. A parlare, a scrivere, a denunciare, a documentare, a rischiare la pelle e i denari (che non avevamo, peraltro) eravamo in pochi. I più, si facevano gli affari loro. O discettavano di problemi “alti” e non si sporcavano le mani con l’ordinario scempio della città e delle esistenze delle persone che la abitano. “Intellettuali”. Discettavano dei massimi sistemi, ’ste robette terra terra le lasciavano a noi comuni mortali.

Tre anni e mezzo fa, dopo anni e anni di colpevoli distrazioni, le telecamere Rai tornarono a inquadrare Catania, e uno dei rari programmi di approfondimento giornalistico degno di tale nome, Report, dedicò alla città un’inchiesta meticolosa e ben documentata, in cui, per la prima volta su scala nazionale, si tracciava un profilo irriverente ma realistico di Mario Ciancio Sanfilippo, editore-direttore del quotidiano cittadino, La Sicilia, l’uomo più potente della città. Apriti cielo! In difesa della «città umiliata e offesa» si scatenò il “meglio” dell’intellighenzia cittadina, incluso il solerte “compagno” professore Barcellona, che tuonò contro le «bombe mediatiche» e «il fondamentalismo d’inchiesta», ché «scandali collusioni e misfatti ci sono dappertutto». Sembra di risentire le parole del “mitico” arcivescovo “antimafia” Luigi Bommarito il quale, ogni volta che qualche giornalista gli chiedeva della mafia a Catania, ribatteva piccato: «A Washington ci sono 400 omicidi l’anno, ma nessuno parla di mafia». Questo, sì, che è parlare chiaro.

Lo scorso martedì 27 novembre, in concomitanza con l’assoluzione in primo grado dei giornalisti di Report citati in giudizio civile da Ciancio, l’illustre professore ha vergato di suo pugno un “coraggioso” editoriale sulla prima pagina del quotidiano etneo per manifestare la sua «reazione indignata» verso il Gip Luigi Barone, che ha avuto l’ardire di chiedere un supplemento d’indagine alla Procura nell’inchiesta su presunti rapporti fra Ciancio e Cosa Nostra e sulla presunta benevolenza del quotidiano da lui diretto nei confronti dei boss etnei. Ma come si permette, il giudice Barone! Ma non lo sa che «proprio La Sicilia pubblicò molti anni fa un’intervista a Pio La Torre, poco prima che venisse assassinato, nella quale si denunciavano le collusioni fra i famosi cavalieri e i comitati d’affari che gestivano la mediazione tra politica e malaffare»?!

Prendiamo per buono ciò che sarebbe successo oltre trent’anni fa. E i trent’anni successivi? I trent’anni successivi, se l’esimio professore non se ne adombra, glieli racconto io, in pillole, molto in pillole, soffermandomi soprattutto su alcune “perle” che hanno caratterizzato il giornale di Ciancio nel “raccontare” le indagini sull’omicidio di Giuseppe Fava, che lui – dopo essere stato adeguatamente istruito da un suo ex allievo al quale si rivolse, per avere lumi, in seguito all’improvvido invito ricevuto dalla Fondazione Fava a intervenire alle iniziative in occasione di un anniversario dell’omicidio – dovrebbe quantomeno vagamente conoscere.

Quello che segue è un collage di ritagli di articoli da me scritti e pubblicati qua e là, nel corso degli anni, mentre il “compagno” Barcellona si cimentava nell’ardimentoso ruolo delle tre scimmiette: non vedo, non sento, non parlo. Ché, si sa, «la migliore parola è quella non detta».

P. S.:

Dimenticavo.

Esimio Illustre “Compagno” Professore Pietro Barcellona, mi duole comunicarLe che non era la seconda volta che il Gip Barone respingeva la richiesta di archiviazione della Procura, disponendo inoltre un supplemento d’indagine, ma la prima, e che ciò (quand’anche fosse stata la seconda) rientra fra i poteri conferiti dalla legislazione vigente a qualsiasi Giudice delle indagini preliminari. Pensi, quant’è bizzarra la legge!

 * * * * *

«Io ho un insegnamento: al processo Tortora a Napoli c’erano tre catanesi, killer delle carceri, Andraus, Nino Faro e Marano. Andai a parlare con loro, dietro le sbarre. Loro erano accusati di associazione camorristica e mi dissero: “Ma quale camorra, ma quale mafia, noi catanesi siamo”. Cioè, da allora mi è rimasta questa etichetta qua, secondo cui Catania soffre di un’enorme, pericolosissima criminalità, ma che chiamarla Cosa nostra mi pare un po’ fuori posto». Queste parole di Tony Zermo, inviato del quotidiano La Sicilia, pronunciate al processo per l’omicidio di un altro giornalista, Giuseppe Fava, fondatore del mensile I Siciliani, condensano la linea del giornale diretto da Mario Ciancio, sull’esistenza della mafia a Catania. Una linea che il quotidiano applicava ancora prima dell’«insegnamento» impartito dai tre killer a Zermo, tanto che nell’ottobre dell’82, quando tutta la stampa nazionale riportò la notizia del mandato di cattura dei giudici palermitani nei confronti di Nitto Santapaola (poi assolto) per l’omicidio del generale dalla Chiesa, La Sicilia tacque il fatto ai propri lettori: li informò il giorno dopo, minimizzando lo spessore criminale del capo di Cosa nostra etnea.

Un’allergia, quella verso il termine mafia, che La Sicilia fa valere anche per i necrologi, tanto che nell’ottobre del 1985 la famiglia Montana di vede rifiutare quello che ricorda il loro congiunto, Beppe, il commissario di polizia ucciso a Palermo tre mesi prima.

Una linea “antimafia” che lo stesso Ciancio, nei primi anni Novanta, fa valere con un cronista che aveva osato definire «mafiosa» la famiglia Ercolano: il capoclan si presenta da Ciancio – ricostruisce il Gip Ferrara, nell’istruttoria del processo Fava –, che lo riceve e, in sua presenza, convoca il cronista e gli intima di «non definire più mafiosi gli Ercolano, nemmeno se la fonte è giudiziaria». Gli Ercolano, imparentati con Santapaola, sono noti boss catanesi e uno dei rampolli, Aldo, è stato condannato, con Santapaola, per l’omicidio di Giuseppe Fava, ucciso il 5 gennaio 1984.

Proprio sul caso Fava, La Sicilia dà il “meglio” di sé in numerose occasioni. Subito dopo il delitto sostiene che sia «un colpo sferrato da chi ha interesse a distruggere gli equilibri catanesi» (Zermo). Insomma: un complotto contro la città. Scartata l’ipotesi che Fava sia stato ammazzato per il suo lavoro di giornalista e per le inchieste sui Siciliani perché «ha fatto i nomi che facevano tutti» (sempre Zermo) e perché era «un poeta, un sognatore, un Don Chisciotte» (ma si insinua pure che fosse «un Pecorelli catanese», cioè un personaggio ambiguo). Invece, fin dal primo numero, un anno prima, il giornale di Fava aveva rotto il silenzio sull’intreccio mafia-politica-imprenditoria-giustizia a Catania indicando i quattro maggiori imprenditori cittadini (Mario Rendo, Gaetano Graci, Carmelo Costanzo e Francesco Finocchiaro, sui quali già indagava dalla Chiesa) come collusi con i clan, coniando l’espressione «i quattro cavalieri dell’apocalisse mafiosa». Nomi che sul giornale di Ciancio comparivano solo come fulgido esempio di «imprenditoria di livello europeo» e che nessuno leggerà accostati a mafia e a malaffare finché non saranno travolti dalle inchieste giudiziarie degli anni successivi.

Nell’estate del 1984 il quotidiano di Ciancio fa uno “scoop” senza eguali nella storia del giornalismo: annuncia che «Un detenuto “pentito” della malavita catanese svelerà i nomi degli uccisori di Giuseppe Fava». Mai successo che la collaborazione di un malavitoso sia anticipata prima che i magistrati lo interroghino. Nell’articolo, corredato di foto dell’uomo, sono indicati il carcere in cui è recluso e il suo indirizzo di casa, dove vivono i familiari. Quando arriva il pm, il “pentito” gli mostra l’articolo e fa scena muta.

Dieci anni dopo, nel giugno del 1994, si “pente” Maurizio Avola, killer del clan Santapaola, indica mandanti ed esecutori dell’assassinio del direttore dei Siciliani (Nitto Santapaola, Aldo Ercolano e altri) e accusa l’imprenditore Gaetano Graci (morto durante le indagini). La Sicilia scrive che Avola si è autoaccusato di essere «il killer di dalla Chiesa e di Fava», ma all’epoca del primo delitto «aveva appena ventuno anni» e, dunque, non è credibile. L’articolo è firmato da un collaboratore messinese, Salvatore Pernice. Sul Giorno, lo stesso articolo, con le stesse parole e identici refusi, è firmato da Zermo. Due pm della Dda etnea, Mario Amato e Amedeo Bertone, smentiscono che il nuovo collaboratore abbia parlato del generale e denunciano «un’operazione studiata a tavolino per screditarlo». Ma il giorno dopo La Sicilia e il Giorno (ancora Zermo), ribadiscono che Avola «ha confessato» entrambi i delitti. A quel punto la Procura convoca una conferenza stampa e chiarisce definitivamente che Avola non c’entra con l’omicidio dalla Chiesa; ma secondo un occasionale cronista di Ciancio, i magistrati avrebbero «smentito categoricamente le clamorose “falsità” attribuite al pentito sui delitti dalla Chiesa e Fava».

Non è tutto. Salvatore La Rocca, cronista di giudiziaria del quotidiano etneo, durante un’udienza del processo, nel 1996, si offre a uno dei legali dei killer per suggerirgli «le domande che deve fare a Claudio Fava», figlio della vittima e parte civile, che in quel momento era sul banco dei testimoni. La Rocca è stato censurato dall’Ordine dei giornalisti.

Gennaio 2002, diciott’anni dopo l’omicidio. La facoltà di Lingue dell’università di Catania organizza un convegno di studi su Giuseppe Fava. La Sicilia, pochi giorni prima dell’iniziativa, rimpiange «la grande imprenditoria dei cavalieri del lavoro spazzati dall’ondata giustizialista seguita al delitto Dalla Chiesa». Il pezzo è firmato da Tony Zermo. Nel 1998, sempre Zermo, aveva scelto il giorno successivo all’anniversario del delitto per recriminare sulla scomparsa dei cavalieri, così bravi e potenti «da attirare non solo ammirazione, ma anche invidia, tanto che qualcuno, negli anni bui li soprannominò i “quattro cavalieri dell’apocalisse mafiosa” come se i mali della città dipendessero da loro». Giuseppe Fava derubricato a «qualcuno» e «invidioso».

Il 9 ottobre del 2008 il “pezzo” d’apertura della cronaca cittadina è vergato da un cronista d’eccezione, Vincenzo Santapaola, figlio di don Nitto e, come il più illustre genitore, ristretto al 41 bis in un carcere del nord Italia. Non è un vero e proprio artcolo, anche se è impaginato come tale, è una lettera di autodifesa del rampollo del capo di Cosa Nostra catanese, novello Silvio Pellico, non accompagnata da alcun commento redazionale. Un fulgido esempio di grande giornalismo che aveva un precedente identico, risalente a una ventina d’anni prima, a quando il presunto killer mafioso Antonino Cortese, all’epoca indiziato (poi prosciolto) del delitto Fava, ebbe il privilegio di inaugurare questo nuovo filone di “giornalismo carcerario”, con una lettera di autodifesa pubblicata come articolo di apertura della cronaca. Senza alcun commento, naturalmente.

E il direttore-editore Mario Ciancio, che ne pensa di tutto ciò? Al processo per l’omicidio Fava, dov’è stato chiamato a testimoniare dalle parti civili, ha dichiarato: «Non esercito alcun controllo sugli articoli. Sono il padrone del giornale, mi preoccupo di mille cose, non dei particolari». Già, ai «particolari» ci pensano alcuni suoi “giornalisti”.

Annunci

Informazioni su Sebastiano Gulisano

Siciliano, anzi jonico-etneo trapiantato a Roma. Cane sciolto, curioso, giornalista per passione civile (ma questa non è una testata giornalistica - e si vede). Disadattato, ché mi pare che di civile in giro ci sia sempre meno. Sognatore: cioè fesso.
Questa voce è stata pubblicata in Mafia e Antimafia, Memoria e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Mario Ciancio, Catania e gli intellettuali di corte

  1. Fabrizio Grasso ha detto:

    Gentile Gulisano, noi di http://www.cataniapolitica.it vorremmo pubblicare il pezzo che ha scritto sulle nostre pagine, se lei da il suo permesso, le scriviamo da qui, perché non troviamo il contatto mail.

  2. Comunicato stampa
    Con riferimento all’articolo a firma di Pietro Barcellona, pubblicato su “La Sicilia” del 28 novembre scorso, è doveroso precisare che alcun accertamento è stato mai disposto «per verificare la linea editoriale del giornale».
    Ferma restando, poi, l’assoluta intangibilità e pienezza del diritto di critica, quanto all’asserzione di «pressapochismo giudiziario», sarebbe più giusto affidare alla reale conoscenza degli atti i giudizi sulla serietà, sulla correttezza e sulla professionalità degli organi giudiziari.
    Catania, 29 novembre 2012
    Il Procuratore delle Repubblica – Il Presidente del Tribunale

  3. Fabrizio Grasso ha detto:

    Ovviamente. Grazie. E complimenti!

  4. Pingback: Il professore che difende Ciancio | Generazionezero.org

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...