#NoMuos. Se l’informazione tutta “buca” o nasconde un evento storico

Sono di parte, lo so, dalla parte dei No Muos, dalla parte di chi difende la propria terra, la propria salute e la pace dalla prepotenza di un apparato economico, finanziario, militare, politico e mafioso planetario. Sono di parte, lo so, dalla parte di chi si oppone all’arroganza e alla prepotenza di ogni potere più o meno palese e istituzionale o occulto.
Io sono di parte e ieri, a Niscemi, ho visto cose diverse da quelle che hanno raccontato in coro compatto i media nazionali.

Io sono di parte e ieri ho assistito a un fatto storico di portata planetaria di cui i media nazionali non si sono accorti o hanno distorto: migliaia di persone hanno invaso pacificamente una base militare statunitense. Oltre a essere di parte, sono pure giornalista e da giornalista sostengo che questa è la notizia del 9 agosto a Niscemi. E da giornalista sostengo che i media italiani hanno “bucato” la notizia.
Ho letto i giornali di oggi, purtroppo non ho visto i tg (me li hanno raccontati, comunque) e non ne parlo. Bene. Per tutti, ieri ci sarebbero stati “scontri” fra manifestanti e forze dell’ordine nel corso dei quali sarebbe stato ferito un finanziere. Inoltre, i manifestanti avrebbero lanciato un bengala contro un elicottero della polizia.
Non so cosa intendano i media per “scontri”: io ho visto un corteo che spingeva pacificamente per entrare nella base a volto scoperto, capo scoperto e mani alzate. Ho visto un finanziere cadere perdendo l’equilibrio perché in bilico su una scarpata e farsi male a un ginocchio e ho sentito i suoi colleghi imprecare contro “chi ci manda qui senza adeguate protezioni”, non contro i manifestanti, alcuni dei quali sono invece intervenuti a soccorrerlo e porgergli bottigliette d’acqua e ho visto sguardi di gratitudine da parte degli altri finanzieri.
Ho sentito il botto di due bengala sparati verso verso l’alto e non contro l’elicottero, che non era affatto lungo la direttrice del razzo colorato esploso per fare coreografia. Ho visto anche tre pietre volare all’indirizzo delle forze dell’ordine. Ho visto i manifestanti neutralizzare chi lanciava pietre e li ho sentiti mentre invitavano con successo i lanciatori di bengala ad astenersi perché c’era il rischio concreto di incendiare il bosco, con conseguenze imprevedibili.
Ho visto anche manganellate contro gli attivisti che reggevano lo striscione di apertura del corteo nel tentativo di farli desistere dallo sfondamento. Ho visto le forze dell’ordine decidere (ché qualcuno lo ha deciso) di non disperdere i manifestanti coi lacrimogeni e poi pestarli come ho visto fare tante, troppe volte nel corso degli anni, a partire da 30 anni prima a Comiso, a pochi chilometri da qui. Ho visto poliziotti, carabinieri e finanzieri “arrendersi” – per scelta, con senso di responsabilità – alle migliaia di persone che si sono riversare nella base con l’obiettivo di “riportare a casa” i dieci attivisti che fra il tramonto dell’8 agosto e l’alba del 9, si erano inerpicati su cinque antenne del sistema di telecomunicazioni statunitense e riuscire nell’obiettivo, dopo avere contrattato la “liberazione” coi responsabili dell’ordine pubblico.
Ieri ho visto cose che mai avrei immaginato di potere vedere e sono rimasto a bocca aperta. Sì, ero incredulo assistendo all’invasione pacifica della base NRFT di Niscemi, dov’è in fase di ultimazione il MUOS, da parte di giovani, anziani, donne e bambini. Non credevo ai miei occhi. Migliaia di persone che violavano una base militare Usa. Inimmaginabile. Eppure stava succedendo, lì, davanti ai miei occhi. Ed era – E’ – un fatto storico.

Poi ho letto i giornali e mi chiedo che film abbiano visto i miei colleghi. Apro Repubblica e trovo un’intervista al “governatore” Crocetta che parla di infiltrazioni mafiose fra i No Muos e penso che dopo avere fatto per un anno il gioco delle tre carte proietti su altri la cultura mafiosa di cui è impregnato fino al midollo, diffamando in perfetto stile mafioso.
Mi chiamo Sebastiano Gulisano, sono un giornalista, sono cresciuto nella redazione dei Siciliani, il mensile fondato da Giuseppe Fava, e non piglio lezioni di antimafiosità da un signore vanesio, megalomane e arrogante che ha arruolato il peggio della classe politica siciliana per arrivare a Palazzo d’Orleans.
Mi chiamo Sebastiano Gulisano, faccio il giornalista da trent’anni e non mi riconosco nelle titolazioni roboanti dei media embedded di questo Paese.
Mi chiamo Sebastiano Gulisano, sono un cittadino italiano e sono contro il Muos, perché è uno strumento di guerra e perché va ad aggiungersi ai “killer invisibili” che da decenni avvelenano mortalmente i niscemesi (il petrolchimico di Gela e le 46 antenne Usa già esistenti nella Sughereta).

Sfogliando i giornali di oggi penso ci sia una foto, pubblicata con grande evidenza da La Sicilia di Catania, che racconti meglio di qualsiasi parola i “terribili” No Muos favoleggiati dai media, l’ha scattata il collega Antonio Parrinello, insieme al quale ho avuto l’onore di lavorare per un breve periodo 25 anni fa. Una foto che parla da sé, per chi sa leggere, senza bisogno di didascalie. Ma la “leggo” a chi non sa leggere: al di là degli scudi solo volti scoperti, capi scoperti e mani alzate. Se questi sono i “violenti” vuol dire che ieri il sole picchiava talmente forte che ha ottenebrato le idee ai narratori sedicenti neutrali.

Annunci

Informazioni su Sebastiano Gulisano

Siciliano, anzi jonico-etneo trapiantato a Roma. Cane sciolto, curioso, giornalista per passione civile (ma questa non è una testata giornalistica - e si vede). Disadattato, ché mi pare che di civile in giro ci sia sempre meno. Sognatore: cioè fesso.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli, Diario siciliano, NoMuos e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

16 risposte a #NoMuos. Se l’informazione tutta “buca” o nasconde un evento storico

  1. Hai detto esattamente quello che è successo. Ti sei dimenticato del taglio di gomma all’auto della Rai. Stranamente non m ne sono accorto, e neppure nelle mie riprese si vede questa famigerata ruota tagliata. Strana la balla che con la ruota bucata non potevano + centrare il satellite. Qualcuno a mio avviso non ha voluto che si documentasse quanto accaduto ieri. Il mio pezzo è qui: http://www.redmilitant.eu/?p=3520

  2. Pingback: Red Militant Catania | BLOG COMUNISTA

  3. tonino cafeo ha detto:

    e che altro aggiungere caro mio?

  4. Rosa Rivelli ha detto:

    grazie!

  5. Mario Murè ha detto:

    Un immenso grazie per questo articolo e un abbraccio grande!

  6. Pingback: No all’inganno: migliaia di manifestanti dentro la base | NO MUOS

  7. Fabio R. Stirner ha detto:

    Grazie davvero… In un paese in cui non c’è reale libertà di stampa servono articoli liberi

  8. Pingback: La verità è rivoluzionaria | anarcomedia

  9. Alberto Sordi ha detto:

    stupendo, ottimo, grazie e NO MUOS fino alla vittoria!

  10. Nicolò Vignanello ha detto:

    C’ero anch’io venerdì a Niscemi e non mi pare che ci sia stato questo gran caos e questi scontri; sono arrivato fino davanti alle forze dell’ordine che qualche manifestante a provato a provocare (ho saputo poi che tra tante bandiere rosse i provocatori erano di destra!); sono entrato anch’io nella base, non sono arrivato, per pigrizia lo ammetto, nel cantiere dell’antenna principale ma ho visto lo scempio che si è permesso ad una potenza straniera e peraltro extracomunitaria!

  11. Pingback: #NoMuos. Se l’informazione tutta “buca” o nasconde un evento storico | NO MUOS

  12. Pingback: No Muos, e la stampa vede scontri inesistenti

  13. E’ bellissimo ripetere il proprio cognome e nome con la seguente formula: Mi chiamo Sebastiano Gulisano, sono un giornalista. Questo dimostra che la vera mafia è politica Italo_Americana e che i firmatari di quel progetto sono criminale. Lei Sebastiano Gulisano sta dimostrando che i Siciliani non hanno più paura della mafia. Vorrei poter esprimere il mio semplice parere; credo che bisogna rivolgersi alla Commissione Europea di Strasburgo, se non è già stato fatto, perché solo il fatto che quel territorio è riserva naturale dà ragione ai Siciliani.URGENTEMENTE.
    Esimio giornalista Sebastiano Gulisano, sono convinta che gli italiani abbiano maturato la convinzione che tutto quello che dicono le TV nazionali viene detto esclusivamente per tutelare i politici corrotti perché è RISAPUTO oramai che la maggior parte di questi signori giornalisti sono i loro lakè, dimostrato dal fatto che solo loro possono presentare i telegiornali. Infatti i giornalisti onesti sono isolati in chissà quale angolo delle redazione. Quindi non crederanno mai alle loro dichiarazioni e quando diranno che c’è la mafia dietro IL MUOS si daranno la zappa sui piedi. Noi italiani abbiamo imparato la lezione. Sappiamo benissimo che LA MAFIA E’ HA FAVORE DEGLI AMERICANI.

  14. Pingback: David gegen Goliat: “Die mutigen Mütter von Niscemi” #Mamme_No_MUOS » AktiVisti MoVimento 5 Stelle Tedeschi

  15. Pingback: Maxiprocesso No Muos #129grazie più 1000 | Il mio luogo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...